Efficienza energetica

La certificazione energetica: che cos'è e a cosa serve

L’attestato di certificazione energetica o di rendimento energetico dell’edificio è il documento redatto nel rispetto delle norme contenute nel Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192, attestante la prestazione energetica degli edifici. È un servizio rivolto a tutti i clienti del settore residenziale, produttivo o terziario che consente di conoscere la prestazione energetica della propria abitazione o di qualsiasi altro edificio destinato allo svolgimento di una attività umana. Gli indici di prestazione energetica disponibili sono rappresentativi del fabbisogno di energia primaria necessario a soddisfare i bisogni connessi ad un uso standard dell'abitazione (tipicamente climatizzazione invernale e produzione di acqua calda sanitaria).

A tal fine vengono presi in considerazione non solo l'isolamento termico dell'involucro edilizio nel suo complesso ma anche l'efficienza energetica degli impianti in esso presenti e la quota di energia ottenuta da fonti rinnovabili.

La certificazione energetica, ormai obbligatoria su tutti gli edifici di nuova costruzione, rappresenta anche un valido strumento applicabile al patrimonio edilizio esistente per conoscere gli interventi più utili a ridurne il fabbisogno energetico ed aumentarne nel contempo il valore di mercato.

La certificazione energetica è inoltre da intendersi quale strumento per la trasparenza del mercato immobiliare, come prevede il Decreto Legislativo 3 marzo 2011 , n. 28: nei contratti di compravendita o di locazione di edifici o singole unità immobiliari sarà obbligatorio inserire una clausola con la quale l’acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici. Nelle offerte di vendita di edifici o di singole unità immobiliari, dal 1° gennaio 2012, gli annunci commerciali dovranno riportare l’indice di prestazione energetica contenuto nell’attestato di certificazione energetica.

Interventi possibili:

Moltissimi sono gli interventi che, con costi contenuti, consentono di migliorare la prestazione energetica di un edificio.

Si va dall'aumento dell'isolamento termico delle pareti alla sostituzione dei serramenti, dalla riduzione dei ponti termici allo sfruttamento degli apporti solari gratuiti, dall'impiego di generatori di calore ad alto rendimento all'utilizzo di valvole termostatiche per la climatizzazione di zona, dal miglioramento dell'efficienza energetica dei componenti elettrici all'utilizzo di sistemi solari per la produzione di energia elettrica o acqua calda sanitaria.

Per la maggior parte di questi interventi è prevista dalla normativa in vigore la possibilità di detrarre fiscalmente il 55% dei costi sostenuti.